Stagione operistica

IL BARBIERE DI SIVIGLIA
Data sabato 26 gennaio 2019
Orario 21:15
Luogo TEATRO ALALEONA

di G. Rossini

Opera lirica completa - Libretto: Cesare Sterbini

Orchestra "Benedetto Marcello" di Teramo

Coro Polifonico Romano

M.° Concertatore e Direttore: Marco Gatti

Regia: Stefano Piacenti

ATTO I
Siviglia. La bella Rosina abita nella casa di don Bartolo, il suo anziano tutore. Don Bartolo vuole tenere Rosina con sé, per amministrarne il patrimonio. Intanto il Conte d’Almaviva, appena arrivato in città, si innamora della bella fanciulla e cerca il modo di avvicinarla; decide di presentarsi a lei sotto le mentite spoglie di Lindoro.
Lui organizza delle serenate sotto la finestra della fanciulla, tanto da destare la preoccupazione di don Bartolo; questi, per non essere costretto a rinunciare alla fortuna della ragazza, decide di chiederla in matrimonio, ma lei rifiuta.
Il Conte incontra Figaro, sua vecchia conoscenza, barbiere oltre che “factotum” nella casa di Don Bartolo. Figaro consiglia al Conte di presentarsi a Rosina facendo finta di essere un soldato ubriaco 1n congedo, con un permesso di soggiorno proprio in casa di don Bartolo. Nel frattempo Rosina affida a Figaro una lettera indirizzata a Lindoro.
Il maestro di musica di Rosina, don Basilio, sa della presenza In città del Conte; per favorire l’amico don Bartolo, gli suggerisce di calunniarlo per sminuirne la figura.
Secondo quanto pianificato con Figaro, il Conte di Almaviva fa irruzione nella casa di don Bartolo fingendosi un soldato ubriaco; Figaro gli ha anche procurato il falso permesso di soggiorno. Don Bartolo pur non riconoscendo nel soldato il Conte di  Almaviva, cerca di allontanare il fastidioso rivale. Ne scaturisce una lite che richiama in casa I Gendarmi. Nella confusione generale (nel frattempo è entrato in casa anche Figaro) il Conte riesce a passare un messaggio a Rosina.
Per trarsi infine d’impaccio, il Conte rivela all’ufficiale delle guardie la sua vera identità; f soldati sono quindi costretti a lasciarlo andare senza arrestarlo
 
ATTO II
Nella dimora di don Bartolo arriva don Alonso, sedicente insegnante di musica e sostituto di don Basilio; in realtà si tratta sempre del Conte di Almaviva   con un nuovo travestimento.
Don Bartolo dubita delle sue reali intenzioni; don Alonso gli porge quindi la lettera di Rosina.
Intanto giunge Figaro, intenzionato a distrarre don Bartolo con la scusa della rasatura. Mentre il Conte cerca di spiegare la situazione a Rosina, irrompe Don Bartolo che lo caccia immediatamente.
In un ultimo disperato tentativo, il Conte e Figaro fanno Irruzione nella camera di Rosina, usando una scala per entrare dalla finestra. Il Conte svela i suoi travestimenti a Rosina e le dichiara il suo amore e la sua volontà di sposarla; la bella Rosina accetta la proposta del Conte. Proprio quando stanno per fuggire, i tre si accorgono che la scala fuori dalla finestra di Rosina, è stata tolta; è stato don Bartolo, che, sospettando la presenza di un estraneo in casa, è andato a chiamare le autorità. Memore della strana scena cui ha assistito, con Il soldato ubriaco lasciato andare, non si fida della polizia. E’ corso dunque direttamente dal magistrato. 
Nel frattempo, il notaio fatto chiamare da don Bartolo arriva in casa; Figaro e il Conte, approfittando della prolungata assenza del padrone di casa, convincono il notaio che il matrimonio che è stato chiamato a redigere sia quello tra il Conte e Rosina.
Quando don Bartolo ritorna il contratto di matrimonio è già stato siglato. Il Conte decide di rinunciare alla dote portata da Rosina, e il non troppo disinteressato don Bartolo tira un sospiro di sollievo e benedice gli sposi.
 
 
Personaggi e interpreti
 
Il Conte d’Almaviva         Ricardo Mirabelli
Rosina                         Linda Campanella
Figaro                         (Sergio Bologna) da definire
Don Bartolo                  Ettore Nova

Don Basilio                   Matteo Peirone

Berta                          Leonora Piacenti

Fiorello                        Danilo Paludi

Un Ufficiale                  Marco Guarini

Un notaio (Mimo)           Vittorio Poltronieri

 

Orchestra da Camera “Benedetto Marcello” di Teramo

Coro Lirico Romano e Corale “Madonna di San Giovanni” di Ripatransone - Dir. N. Fanesi

Maestro al Cembalo : Erika Jade Grelli

Aiuto Regista : Ambra Vespasiani

M° alle Luci : Ilaria Galgani

Maestro Concertatore e Direttore : Marco Gatti

Regia : Stefano Piacenti                                                                                          

Costumi  di Danila D’Agostino – Scenografia a cura del  R.O.L.F.

 

Assessorato alla Cultura

Assessore

Michela Vita


Responsabile del Servizio
Adele Ciccangeli



 

Biglietti ed Abbonamenti

Il programma potrebbe subire variazioni al momento non prevedibili e non imputabili all'organizzazione.
Ringraziamo gli sponsors, la cittadinanza, la protezione civile di montegiorgio, il personale di sala e tutte le persone che rendono possibile la realizzazione dell'iniziativa.

Informazioni

Comune Montegiorgio

T. 0734 952067

www.comune.montegiorgio.fm.it

 

Teatro Alaleona

T. 0734 961441
www.teatroalaleona.it

 

 

 

Coscienze

 

Iscrizione alla newsletter

Se desideri essere sempre informato sulla nostra programmazione: iscriviti

HTML 4.01 Valid CSS
Pagina caricata in: 0.017 secondi
Powered by Simplit CMS